spacer
nuvole
Progettazione didattica 2017-2018

IO, TE, NOI ... UN GIROTONDO DI NOMI

FINALITA’ GENERALI DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA
Per ogni bambino o bambina, la scuola dell’infanzia si pone la finalità di promuovere lo sviluppo dell’identità, dell’autonomia, della competenza, della cittadinanza.
Consolidare l’identità significa vivere serenamente tutte le dimensioni del proprio io, stare bene, essere rassicurati nella molteplicità del proprio fare e sentire, sentirsi sicuri in un ambiente sociale allargato, imparare a conoscersi e ad essere riconosciuti come persona unica e irripetibile. Vuol dire sperimentare diversi ruoli e forme di identità: quelle di figlio, alunno, compagno, maschio o femmina, abitante di un territorio, membro di un gruppo, appartenente a una comunità sempre più ampia e plurale, caratterizzata da valori comuni, abitudini, linguaggi, riti, ruoli.
Sviluppare l’autonomia significa avere fiducia in sé e fidarsi degli altri; provare soddisfazione nel fare da sé e saper chiedere aiuto o poter esprimere insoddisfazione e frustrazione elaborando progressivamente risposte e strategie; esprimere sentimenti ed emozioni; partecipare alle decisioni esprimendo opinioni, imparando ad operare scelte e ad assumere comportamenti e atteggiamenti sempre più consapevoli.
Acquisire competenze significa giocare, muoversi, manipolare, curiosare, domandare, imparare a riflettere sull’esperienza attraverso l’esplorazione, l’osservazione e il confronto tra proprietà, quantità, caratteristiche, fatti; significa ascoltare, e comprendere, narrazioni e discorsi, raccontare e rievocare azioni ed esperienze e tradurle in tracce personali e condivise; essere in grado di descrivere, rappresentare e immaginare, “ripetere”, con simulazioni e giochi di ruolo, situazioni ed eventi con linguaggi diversi.
Vivere le prime esperienze di cittadinanza significa scoprire l’altro da sé e attribuire progressiva importanza agli altri e ai loro bisogni; rendersi sempre meglio conto della necessità di stabilire regole condivise; implica il primo esercizio del dialogo che è fondato sulla reciprocità dell’ascolto, l’attenzione al punto di vista dell’altro e alle diversità di genere, il primo riconoscimento di diritti e doveri uguali per tutti; significa porre le fondamenta di un comportamento eticamente orientato, rispettoso degli altri, dell’ambiente e della natura.

COMPETENZE CHIAVE EUROPEE
Sono esplicitate nella Raccomandazione del Parlamento Europeo del 18.12.2016 e sono una combinazione di conoscenze, abilità e attitudini che permettono di adattarsi ai costanti cambiamenti della società. Attraverso l'acquisizione di esse gli alunni saranno in grado di analizzare, ragionare e comunicare in modo efficiente nel momento in cui propongono e interpretano i problemi nei diversi ambiti. Allo stesso tempo le competenze chiave sono quelle di cui tutti gli alunni hanno bisogno per la realizzazione, lo sviluppo personale, la cittadinanza attiva, l'inclusione sociale e l'occupazione. Esse serviranno come base per un apprendimento permanente e perciò dovranno essere acquisite durante il periodo obbligatorio di istruzione e formazione.

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA da conseguire alla fine dei 3 anni di scuola dell’Infanzia
Al termine della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado, vengono fissati i traguardi per lo sviluppo della competenza relativi ai campi di esperienza ed alle discipline. Essi rappresentano dei riferimenti ineludibili per gli insegnanti, indicano piste culturali e didattiche da percorrere e aiutano a finalizzare l’azione educativa allo sviluppo integrale dell’allievo. Nella scuola del primo ciclo i traguardi costituiscono criteri per la valutazione delle competenze attese e, nella loro scansione temporale, sono prescrittivi, impegnando così le istituzioni scolastiche affinché ogni alunno possa conseguirli, a garanzia dell’unità del sistema nazionale e della qualità del servizio. Le scuole hanno la libertà e la responsabilità di organizzarsi e di scegliere l’itinerario più opportuno per consentire agli studenti il miglior conseguimento dei risultati.

LEGITTIMAZIONE NORMATIVA:

  • Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio 18.12.2006
  • Indicazioni Nazionali per il Curricolo 2012
  • Legge sull’autonomia scolastica DPR 275/1999

Tratto dalle Indicazioni Nazionali 2012

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE 2017-2018
Per il raggiungimento dello sviluppo dei Traguardi di Competenza nei bambini, quest’anno con la progettazione Didattica proporremo un percorso di conoscenza interiore e sulla storia personale. Attraverso il Brano Evangelico di Matteo, sull’annuncio della nascita di Gesù a Giuseppe, i bambini saranno aiutati a comprendere che ogni persona è chiamata alla Vita da Dio e che per ognuno c’è un personale e preciso progetto di vita. La progettazione sarà strutturata in 4 Unità di Apprendimento e in una serie di progetti a supporto con ognuna delle competenze e degli obiettivi specifici, che contribuisco a sviluppare la Chiave Europea più trasversale, che si trova in ogni momento e attività della giornata scolastica: Imparare ad imparare.

CAMPI DI ESPERIENZA: Il sé e l’altro, i discorsi e le parole, il corpo e il movimento, immagini suoni e colori, la conoscenza del mondo

Unità Didattica di Apprendimento 1 “Insieme … possiamo fare grandi cose”
Settembre

TEMATICA DI RIFERIMENTO:Come Gesù ogni bambino entra nella storia non il giorno della sua nascita ma molto tempo prima … ognuno è stato creato da Dio per un personale progetto di vita, ognuno è chiamato a partecipare  e costruire questo misterioso progetto d’Amore per le vie che conducono a Lui.
COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: Imparare ad imparare
CAMPI DI ESPERIENZA:

  • Il sé e l’altro
  • Il corpo e il movimento
  • I discorsi e le parole
  • La conoscenza del mondo

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

  • Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini.
  • Riflette, si confronta, discute con gli adulti e con gli altri bambini e comincia e riconoscere la reciprocità di attenzione tra chi parla e chi ascolta.
  • Si muove con crescente sicurezza e autonomia negli spazi che gli sono familiari, modulando progressivamente voce e movimento anche in rapporto con gli altri e con le regole condivise.
  • Il bambino vive pienamente la propria corporeità, ne percepisce il potenziale comunicativo ed espressivo, matura condotte che gli consentono una buona autonomia nella gestione della giornata a scuola.
  • Riconosce i segnali e i ritmi del proprio corpo, le differenze sessuali e di sviluppo e adotta pratiche corrette di cura di sé, di igiene e di sana alimentazione
  • Sperimenta rime, filastrocche, drammatizzazioni; inventa nuove parole, cerca somiglianze e analogie tra i suoni e i significati.
  • Sa collocare le azioni quotidiane nel tempo della giornata e della settimana
  • Riferisce correttamente eventi del passato recente; sa dire cosa potrà succedere in un futuro immediato e prossimo.

TRAGUARDI SPECIFICI IRC:

  • Scopre nei racconti del Vangelo la persona e l’insegnamento di Gesù, da cui apprende che Dio è Padre di ogni persona e che la Chiesa è la comunità di uomini e donne unita nel suo nome, per sviluppare un positivo senso di sé e sperimentare relazioni serene con gli altri, anche appartenenti a differenti tradizioni culturali e religiose.

STRATEGIE METODOLOGICHE: Attività e laboratori

  • Realizzazione di un cartellone, con i genitori in assemblea, in cui ogni genitori racconta il motivi della scelta del nome del proprio figlio
  • Sezioni
  • Incarichi
  • Calendario presenze

 

Unità Didattica di Apprendimento 2 “Il mio nome dice di me!”
Ottobre/Dicembre

TEMATICA DI RIFERIMENTO: Quando nasciamo i nostri genitori ci danno un nome. Dare un nome a una persona è riconoscere la sua esclusiva identità, infatti ogni bambino e ogni bambina sono chiamati ad essere ciò che nessun’altra persona è mai stata e mai sarà chiamata ad essere.
COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: Competenze sociali e civiche
CAMPO DI ESPERIENZA:Il sé e l’altro
TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

  • Sviluppa il senso dell’identità personale, percepisce le proprie esigenze e i propri sentimenti, sa esprimerli in modo sempre più adeguato.
  • Sa di avere una storia personale e familiare, conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e le mette a confronto con altre.
  • Pone domande sui temi esistenziali e religiosi, sulle diversità culturali, su ciò che è bene o male, sulla giustizia, e ha raggiunto una prima consapevolezza dei propri diritti e doveri, delle regole del vivere insieme.
  • Si orienta nelle prime generalizzazioni di passato, presente, futuro.
  • Riconosce i più importanti segni della sua cultura e del territorio.

TRAGUARDI SPECIFICI IRC:

  • Scopre nei racconti del Vangelo la persona e l’insegnamento di Gesù, da cui apprende che Dio è Padre di ogni persona e che la Chiesa è la comunità di uomini e donne unita nel suo nome, per sviluppare un positivo senso di sé e sperimentare relazioni serene con gli altri, anche appartenenti a differenti tradizioni culturali e religiose.
  • Riconosce alcuni linguaggi simbolici e figurativi caratteristici delle tradizioni e della vita dei cristiani (segni, feste, preghiere, canti, gestualità, spazi, arte), per poter esprimere con creatività il proprio vissuto religioso.
  • Impara alcuni termini del linguaggio cristiano, ascoltando semplici racconti biblici, ne sa narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi, per sviluppare una comunicazione significativa anche in ambito religioso.

STRATEGIE METODOLOGICHE: Attività e laboratori

    • Realizzazione di addobbi scolastici, in attività cooperativa
    • Lettura del Brano Evangelico Mt 1, 20-23 per introdurre il tema della progettazione
    • Attività di  ricerca e riflessione sui significati dei nomi dei bambini e ripresa delle motivazioni dei genitori emerse in assemblea
    • Realizzazione con tecnica grafico-pittorica di un cartellone con i risultati ottenuti
    • Attività di ricerca e descrizione delle proprie origini: la famiglia (nomi dei genitori, nomi di fratelli e sorelle, nomi dei nonni)
    • Realizzazione con attività grafico-pittoriche di un libretto con la storia personale di ogni bambino
    • Festa della Castagnata
    • Festa di Natale Lc 1, 26-38 “Annuncio della nascita di Gesù”
    • Realizzazione del Calendario dell’Avvento
    • S. Messa di Natale con i genitori e la comunità Parrocchiale
    • Percorso di Natale: il nome e il significato del nome di Gesù e la sua famiglia

    Unità  Didattica di Apprendimento 3 “Cosa scopro di me?”
    Gennaio/Marzo

    TEMATICA DI RIFERIMENTO: Per la realizzazione del progetto di vita sono stati donati ad ognuno delle caratteristiche, un contesto di vita, una famiglia e tante persone  con cui camminare insieme.
    COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: Il senso di iniziativa e l’imprenditorialità
    CAMPI DI ESPERIENZA:

    • Il sé e l’altro
    • I discorsi e le parole
    • Immagini, suoni e colori

    TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

    • Sa di avere una storia personale e familiare, conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e le mette a confronto con altre.
    • Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente.
    • Sa esprimere e comunicare agli altri emozioni, sentimenti, argomentazioni attraverso il linguaggio verbale che utilizza in differenti situazioni comunicative.

    TRAGUARDI SPECIFICI IRC:

    • Impara alcuni termini del linguaggio cristiano, ascoltando semplici racconti biblici, ne sa narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi, per sviluppare una comunicazione significativa anche in ambito religioso.

    STRATEGIE METODOLOGICHE: Attività e laboratori

    • Realizzazione di addobbi scolastici, in attività cooperativa
    • Attività di ricerca e riflessione sugli aspetti che caratterizzano il bambino: cosa mi piace, cosa preferisco e cosa riesco a fare bene
    • Attività grafico-pittorica, sperimentali, manipolative sulle caratteristiche personali emerse
    • Attività di ricerca e descrizione delle proprie origini: la famiglia (i lavori e gli hobby dei genitori e di fratelli/sorelle)
    • Continuazione della Realizzazione con attività grafico-pittoriche di un libretto con la storia personale per ogni bambino
    • Attività di ricerca e descrizione sull’infanzia di Gesù in parallelo alla nostra

     

     

     

    Unità Didattica di Apprendimento 4 “Ti parlo di me”
    Aprile/Maggio

    TEMATICA DI RIFERIMENTO: Ogni persona nasce anche con delle caratteristiche e dei Talenti personali che crescono man mano con noi e se conosciuti e utilizzati possono aiutare nella realizzazione della personale chiamata, che va scoperta e realizzata per vivere con entusiasmo e concretezza e per aiutare chi ci sta vicino. Come gli Apostoli ogni persona che risponde “sì” mette il Padre al primo posto.
    COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: Il senso di iniziativa e l’imprenditorialità
    CAMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

    • Il sé e l’altro
    • I discorsi e le parole
    • Immagini, suoni e colori

    TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

    • Sa di avere una storia personale e familiare, conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e le mette a confronto con altre.
    • Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente.
    • Sa esprimere e comunicare agli altri emozioni, sentimenti, argomentazioni attraverso il linguaggio verbale che utilizza in differenti situazioni comunicative.

    TRAGUARDI SPECIFICI IRC:

    • Riconosce alcuni linguaggi simbolici e figurativi caratteristici delle tradizioni e della vita dei cristiani (segni, feste, preghiere, canti, gestualità, spazi, arte), per poter esprimere con creatività il proprio vissuto religioso.
    • Impara alcuni termini del linguaggio cristiano, ascoltando semplici racconti biblici, ne sa narrare i contenuti riutilizzando i linguaggi appresi, per sviluppare una comunicazione significativa anche in ambito religioso.
    • Scopre nei racconti del Vangelo la persona e l’insegnamento di Gesù, da cui apprende che Dio è Padre di ogni persona e che la Chiesa è la comunità di uomini e donne unita nel suo nome, per sviluppare un positivo senso di sé e sperimentare relazioni serene con gli altri, anche appartenenti a differenti tradizioni culturali e religiose.

    STRATEGIE METODOLOGICHE:Attività e laboratori

    • Realizzazione di addobbi scolastici, in attività cooperativa
    • Lettura del Brano Evangelico Mc 3, 13-19 “La scelta dei dodici”
    • Attività di  ricerca e riflessione sui significati dei nomi degli Amici di Gesù
    • Attività di ricerca e descrizione dei miei amici
    • Attività di ricerca e descrizione delle caratteristiche che Gesù cerca nei suoi amici- attività di autovalutazione
    • Continuazione della realizzazione con attività grafico-pittoriche di un libretto con la storia personale di ogni bambino
    • Percorso di  Pasqua

     Inoltre per arricchire l’Offerta formativa le proposte quotidiane della progettazione saranno integrate da alcuni laboratori perché l'esperienza concreta nel bambino ha diverse funzioni:

    • accrescere il potenziale biologico,
    • sviluppare le competenze e le abilità,
    • accrescere le conoscenze,
    • sviluppare la capacità critica,
    • formare categorie mentali che sono alla base delle conoscenze teoriche.

    BIBLIOTECA SCOLASTICA
    Ottobre/Maggio
    DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “Amico libro” (Progetto cognitivo)
    FASCE D’ETÀ COINVOLTE: piccoli, medi, grandi
    COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: Consapevolezza ed espressione culturale
    CAMPO DI ESPERIENZA: Immagini, suoni e colori
    TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

    • Ascolta e comprende narrazioni, racconta e inventa storie, chiede e offre spiegazioni, usa il linguaggio per progettare attività e per definirne regole.
    • Si avvicina alla lingua scritta, esplora e sperimenta prime forme di comunicazione attraverso la scrittura, incontrando anche le tecnologie digitali e i nuovi media.

     

    INGLESE
    Ottobre/Maggio
    DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “One two three: English for me!” (Progetto cognitivo)
    FASCE D’ETÀ COINVOLTE: medi e grandi
    COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: La comunicazione nelle lingue straniere
    CAMPO DI ESPERIENZA: I discorsi e le parole
    TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

    • Ragiona sulla lingua, scopre la presenza di lingue diverse, riconosce e sperimenta la pluralità dei linguaggi, si misura con la creatività e la fantasia.

     

     

    FAMILIARIZZAZIONE ALLA SCUOLA PRIMARIA
    Ottobre/Maggio
    DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “Un ponte verso il futuro” (Progetto cognitivo)
    FASCE D’ETÀ COINVOLTE: grandi
    COMPETENZE CHIAVE EUROPEE:

    • La comunicazione nella madre lingua
    • La competenza matematica

    CAMPI DI ESPERIENZA:

    • I discorsi e le parole
    • La conoscenza del mondo-Numero e spazio

    TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

    • Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati.
    • Sperimenta rime, filastrocche, drammatizzazioni; inventa nuove parole, cerca somiglianze e analogie tra i suoni e i significati.
    • Si avvicina alla lingua scritta, esplora e sperimenta prime forme di comunicazione attraverso la scrittura, incontrando anche le tecnologie digitali e i nuovi media.
    • Il bambino raggruppa e ordina oggetti e materiali secondo criteri diversi, ne identifica alcune proprietà, confronta e valuta quantità; utilizza simboli per registrarle; esegue misurazioni usando strumenti alla sua portata.
    • Ha familiarità sia con le strategie del contare e dell’operare con i numeri sia con quelle necessarie per eseguire le prime misurazioni di lunghezze, pesi, e altre quantità.

     

     

    MANIPOLAZIONE
    Ottobre/Maggio
    DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “La bottega della creatività!” (Progetto sensoriale)
    FASCE D’ETÀ COINVOLTE: piccoli
    COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: Consapevolezza ed espressione culturale
    CAMPO DI ESPERIENZA: Immagini, suoni e colori
    TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

    • Inventa storie e sa esprimerle attraverso la drammatizzazione, il disegno, la pittura e altre attività manipolative; utilizza materiali e strumenti, tecniche espressive e creative; esplora le potenzialità offerte dalle tecnologie.
    • Segue con curiosità e piacere spettacoli di vario tipo (teatrali, musicali, visivi, di animazione …); sviluppa interesse per l’ascolto della musica e per la fruizione di opere d’arte.

     

    PSICOMOTRICITÀ
    Ottobre/Dicembre
    DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “Costruire insieme … per scoprire se stessi” (Progetto motorio)
    FASCE D’ETÀ COINVOLTE: piccoli, medi, grandi
    COMPETENZE CHIAVE EUROPEE:

    • Consapevolezza ed espressione culturale
    • Le competenze sociali e civiche

    CAMPI DI ESPERIENZA:

    • Il corpo e il movimento
    • Il sé e l’altro

    TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

    • Il bambino vive pienamente la propria corporeità, ne percepisce il potenziale comunicativo ed espressivo, matura condotte che gli consentono una buona autonomia nella gestione della giornata a scuola.
    • Prova piacere nel movimento e sperimenta schemi posturali e motori, li applica nei giochi individuali e di gruppo, anche con l’uso di piccoli attrezzi ed è in grado di adattarli alle situazioni ambientali all’interno della scuola e all’aperto.
    • Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini.

     

     

    DIDATTICA MUSICALE
    Gennaio/Febbraio
    DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “Scopriamo il ritmo che c’è in noi”  (Progetto sensoriale)
    FASCE D’ETÀ COINVOLTE: piccoli, medi, grandi
    COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: Consapevolezza ed espressione culturale
    CAMPO DI ESPERIENZA: Immagini, suoni e colori
    TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

    • Scopre il paesaggio sonoro attraverso attività di percezione e produzione musicale utilizzando voce, corpo e oggetti.
    • Sperimenta e combina elementi musicali di base, producendo semplici sequenze sonoro-musicali.
    • Esplora i primi alfabeti musicali, utilizzando anche i simboli di una notazione informale per codificare i suoni percepiti e riprodurli.

    CONCETTI TOPOLOGICI
    Gennaio
    DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “In ogni senso, con ogni senso” (Progetto cognitivo)
    FASCE D’ETÀ COINVOLTE: piccoli, medi, grandi
    COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: Le competenze matematiche e in campo scientifico
    CAMPO  DI ESPERIENZA: La conoscenza del mondo- numero e spazio
    TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

    • Ha familiarità sia con le strategie del contare e dell’operare con i numeri sia con quelle necessarie per eseguire le prime misurazioni di lunghezze, pesi, e altre quantità.
    • Individua le posizioni di oggetti e persone nello spazio, usando termini come avanti/dietro, sopra/sotto, destra/sinistra, ecc; segue correttamente un percorso sulla base di indicazioni verbali.

    EDUCAZIONE STRADALE
    Febbraio
    DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “Alla scoperta della strada” (Progetto cognitivo)
    FASCE D’ETÀ COINVOLTE: piccoli, medi, grandi
    COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: Le competenze sociali e civiche
    CAMPO  DI ESPERIENZA:

    • Il sé e l’altro                
    • La conoscenza del mondo- numero e spazio

    TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

    • Riconosce i più importanti segni della sua cultura e del territorio, le istituzioni, i servizi pubblici, il funzionamento delle piccole comunità e della città.
    • Individua le posizioni di oggetti e persone nello spazio, usando termini come avanti/dietro, sopra/sotto, destra/sinistra, ecc; segue correttamente un percorso sulla base di indicazioni verbali.

    CORSO DI NUOTO
    Marzo/Aprile
    DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “L’acqua per sentirsi più sicuri” (Progetto motorio)
    FASCE D’ETÀ COINVOLTE: medi e grandi
    COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: Consapevolezza ed espressione culturale
    CAMPO DI ESPERIENZA: IL corpo e il movimento
    TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

    • Prova piacere nel movimento e sperimenta schemi posturali e motori, li applica nei giochi individuali e di gruppo, anche con l’uso di piccoli attrezzi ed è in grado di adattarli alle situazioni ambientali all’interno della scuola e all’aperto.
    • Controlla l’esecuzione del gesto, valuta il rischio, interagisce con gli altri nei giochi di movimento, nella musica, nella danza, nella comunicazione espressiva.

     

    EQUITAZIONE
    Maggio
    DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “Un Cavallo per Amico”  (Progetto motorio)
    FASCE D’ETÀ COINVOLTE: grandi
    COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: Consapevolezza ed espressione culturale
    CAMPI DI ESPERIENZA:

    • Il corpo e il movimento
    • Il sé e l’altro

    TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

      • Prova piacere nel movimento e sperimenta schemi posturali e motori, li applica nei giochi individuali e di gruppo, anche con l’uso di piccoli attrezzi ed è in grado di adattarli alle situazioni ambientali all’interno della scuola e all’aperto.
      • Controlla l’esecuzione del gesto, valuta il rischio, interagisce con gli altri nei giochi di movimento, nella musica, nella danza, nella comunicazione espressiva.
      • Sviluppa il senso dell’identità personale, percepisce le proprie esigenze e i propri sentimenti, sa esprimerli in modo sempre più adeguato.

      BIBLIOTECA SCOLASTICA
      Ottobre/Maggio
      DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “Amico libro” (Progetto cognitivo)
      FASCE D’ETÀ COINVOLTE: piccoli, medi, grandi
      COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: Consapevolezza ed espressione culturale
      CAMPO DI ESPERIENZA: Immagini, suoni e colori
      TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

      • Ascolta e comprende narrazioni, racconta e inventa storie, chiede e offre spiegazioni, usa il linguaggio per progettare attività e per definirne regole.
      • Si avvicina alla lingua scritta, esplora e sperimenta prime forme di comunicazione attraverso la scrittura, incontrando anche le tecnologie digitali e i nuovi media.

       

      INGLESE
      Ottobre/Maggio
      DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “One two three: English for me!” (Progetto cognitivo)
      FASCE D’ETÀ COINVOLTE: medi e grandi
      COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: La comunicazione nelle lingue straniere
      CAMPO DI ESPERIENZA: I discorsi e le parole
      TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

      • Ragiona sulla lingua, scopre la presenza di lingue diverse, riconosce e sperimenta la pluralità dei linguaggi, si misura con la creatività e la fantasia.

       

       

      FAMILIARIZZAZIONE ALLA SCUOLA PRIMARIA
      Ottobre/Maggio
      DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “Un ponte verso il futuro” (Progetto cognitivo)
      FASCE D’ETÀ COINVOLTE: grandi
      COMPETENZE CHIAVE EUROPEE:

      • La comunicazione nella madre lingua
      • La competenza matematica

      CAMPI DI ESPERIENZA:

      • I discorsi e le parole
      • La conoscenza del mondo-Numero e spazio

      TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

      • Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati.
      • Sperimenta rime, filastrocche, drammatizzazioni; inventa nuove parole, cerca somiglianze e analogie tra i suoni e i significati.
      • Si avvicina alla lingua scritta, esplora e sperimenta prime forme di comunicazione attraverso la scrittura, incontrando anche le tecnologie digitali e i nuovi media.
      • Il bambino raggruppa e ordina oggetti e materiali secondo criteri diversi, ne identifica alcune proprietà, confronta e valuta quantità; utilizza simboli per registrarle; esegue misurazioni usando strumenti alla sua portata.
      • Ha familiarità sia con le strategie del contare e dell’operare con i numeri sia con quelle necessarie per eseguire le prime misurazioni di lunghezze, pesi, e altre quantità.

      MANIPOLAZIONE
      Ottobre/Maggio
      DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “La bottega della creatività!” (Progetto sensoriale)
      FASCE D’ETÀ COINVOLTE: piccoli
      COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: Consapevolezza ed espressione culturale
      CAMPO DI ESPERIENZA: Immagini, suoni e colori
      TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

      • Inventa storie e sa esprimerle attraverso la drammatizzazione, il disegno, la pittura e altre attività manipolative; utilizza materiali e strumenti, tecniche espressive e creative; esplora le potenzialità offerte dalle tecnologie.
      • Segue con curiosità e piacere spettacoli di vario tipo (teatrali, musicali, visivi, di animazione …); sviluppa interesse per l’ascolto della musica e per la fruizione di opere d’arte.

       

      PSICOMOTRICITÀ
      Ottobre/Dicembre
      DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “Costruire insieme … per scoprire se stessi” (Progetto motorio)
      FASCE D’ETÀ COINVOLTE: piccoli, medi, grandi
      COMPETENZE CHIAVE EUROPEE:

      • Consapevolezza ed espressione culturale
      • Le competenze sociali e civiche

      CAMPI DI ESPERIENZA:

      • Il corpo e il movimento
      • Il sé e l’altro

      TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

      • Il bambino vive pienamente la propria corporeità, ne percepisce il potenziale comunicativo ed espressivo, matura condotte che gli consentono una buona autonomia nella gestione della giornata a scuola.
      • Prova piacere nel movimento e sperimenta schemi posturali e motori, li applica nei giochi individuali e di gruppo, anche con l’uso di piccoli attrezzi ed è in grado di adattarli alle situazioni ambientali all’interno della scuola e all’aperto.
      • Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini.

       

       

      DIDATTICA MUSICALE
      Gennaio/Febbraio
      DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “Scopriamo il ritmo che c’è in noi”  (Progetto sensoriale)
      FASCE D’ETÀ COINVOLTE: piccoli, medi, grandi
      COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: Consapevolezza ed espressione culturale
      CAMPO DI ESPERIENZA: Immagini, suoni e colori
      TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

      • Scopre il paesaggio sonoro attraverso attività di percezione e produzione musicale utilizzando voce, corpo e oggetti.
      • Sperimenta e combina elementi musicali di base, producendo semplici sequenze sonoro-musicali.
      • Esplora i primi alfabeti musicali, utilizzando anche i simboli di una notazione informale per codificare i suoni percepiti e riprodurli.

      CONCETTI TOPOLOGICI
      Gennaio
      DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “In ogni senso, con ogni senso” (Progetto cognitivo)
      FASCE D’ETÀ COINVOLTE: piccoli, medi, grandi
      COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: Le competenze matematiche e in campo scientifico
      CAMPO  DI ESPERIENZA: La conoscenza del mondo- numero e spazio
      TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

      • Ha familiarità sia con le strategie del contare e dell’operare con i numeri sia con quelle necessarie per eseguire le prime misurazioni di lunghezze, pesi, e altre quantità.
      • Individua le posizioni di oggetti e persone nello spazio, usando termini come avanti/dietro, sopra/sotto, destra/sinistra, ecc; segue correttamente un percorso sulla base di indicazioni verbali.

      EDUCAZIONE STRADALE
      Febbraio
      DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “Alla scoperta della strada” (Progetto cognitivo)
      FASCE D’ETÀ COINVOLTE: piccoli, medi, grandi
      COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: Le competenze sociali e civiche
      CAMPO  DI ESPERIENZA:

      • Il sé e l’altro                
      • La conoscenza del mondo- numero e spazio

      TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

        • Riconosce i più importanti segni della sua cultura e del territorio, le istituzioni, i servizi pubblici, il funzionamento delle piccole comunità e della città.
        • Individua le posizioni di oggetti e persone nello spazio, usando termini come avanti/dietro, sopra/sotto, destra/sinistra, ecc; segue correttamente un percorso sulla base di indicazioni verbali.

        CORSO DI NUOTO
        Marzo/Aprile
        DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “L’acqua per sentirsi più sicuri” (Progetto motorio)
        FASCE D’ETÀ COINVOLTE: medi e grandi
        COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: Consapevolezza ed espressione culturale
        CAMPO DI ESPERIENZA: IL corpo e il movimento
        TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

        • Prova piacere nel movimento e sperimenta schemi posturali e motori, li applica nei giochi individuali e di gruppo, anche con l’uso di piccoli attrezzi ed è in grado di adattarli alle situazioni ambientali all’interno della scuola e all’aperto.
        • Controlla l’esecuzione del gesto, valuta il rischio, interagisce con gli altri nei giochi di movimento, nella musica, nella danza, nella comunicazione espressiva.

         

        EQUITAZIONE
        Maggio
        DENOMINAZIONE DEL PROGETTO: “Un Cavallo per Amico”  (Progetto motorio)
        FASCE D’ETÀ COINVOLTE: grandi
        COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: Consapevolezza ed espressione culturale
        CAMPI DI ESPERIENZA:

        • Il corpo e il movimento
        • Il sé e l’altro

        TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA:

          • Prova piacere nel movimento e sperimenta schemi posturali e motori, li applica nei giochi individuali e di gruppo, anche con l’uso di piccoli attrezzi ed è in grado di adattarli alle situazioni ambientali all’interno della scuola e all’aperto.
          • Controlla l’esecuzione del gesto, valuta il rischio, interagisce con gli altri nei giochi di movimento, nella musica, nella danza, nella comunicazione espressiva.
          • Sviluppa il senso dell’identità personale, percepisce le proprie esigenze e i propri sentimenti, sa esprimerli in modo sempre più adeguato.
spacer